Archivio tag: laboratorio per bambini

Laboratorio per bambine e bambini

Ed eccola qui la locandina del nostro laboratorio per Queeresima 2017. La meravigliosa Frida Kahlo ci accompagnerà in un laboratorio per bambine e bambini pensato insieme all’ Associazione Famiglie Arcobaleno
Vi aspettiamo domenica 28 maggio nella nuova sede di Arc Cagliari, in via Falzarego 
MariaGrazia Rubanu e Melania Cabras
Locandina Frida Queeresima 2017

Passaporta per quale futuro…Grazie!!!

IMG_20170326_102846Domenica scorsa si è svolto il nostro laboratorio per bambine e bambini“Passaporta per quale futuro”, un laboratorio sulla rappresentazione di sé alla scoperta delle tante professioni possibili.

Si tratta di un laboratorio svolto all’interno della terza edizione dell’evento “Le lesbiche si raccontano”, pensato e realizzato insieme all’associazione Famiglie Arcobaleno, con la quale collaboriamo da anni.

Hanno partecipato 15 bambine e bambini che si sono divertiti a costruire il proprio futuro con colori, fogli di carta, oggetti magici e la loro splendida creatività.

 

 

 

 

 

 

 

Attività di disegno e momenti di gioco si sono alternati in una cornice semi-magica che ha permesso a tutte e tutti di esprimersi utilizzando modalità comunicative differenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le carte de “Il gioco del rispetto” sono state un prezioso ausilio per stimolare la riflessione sulle possibili professioni future, che possono essere svolte da chiunque, indipendentemente dal fatto che si sia maschi o femmine.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E così, tra gioco e magia le bambine e i bambini hanno sperimentato che non ci sono lavori da maschio e lavori da femmina ma solo lavori che, se appassionano, permettono la crescita e la realizzazione di sé.

Il nostro obiettivo era quello di lavorare sugli stereotipi di genere, sulla possibilità di elaborare un proprio punto di vista e sulla libertà di espressione.

Vedendo i disegni dei bambini e delle bambine e ascoltando le loro parole crediamo di avere gettato un seme in questa direzione e questo ci rende davvero felici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le tante professioni emerse c’è stata: la paracadutista, il pilota di aerei, la scienziata, la paleontologa, la signora che fa nascere i bambini (ostetrica), la ballerina, il veterinario, l’astronauta, la pattinatrice, la carabiniera, la muratrice bravissima a costruire case, la signora dei cani (allevatrice)… tanti mestieri possibili, tutti realizzabili, se saranno loro per prime/i a credere nei propri sogni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi lasciamo con la filastrocca e la formula magica che le bambine e i bambini hanno recitato con grande entusiasmo all’uscita del tunnel passaporta.

E adesso con un po’ di magia

Facciamo un volo con la fantasia

Avete pensato e poi disegnato

E il vostro futuro immaginato

Un futuro da sognare

E piano piano avvicinare

Il futuro e lì che aspetta

E voi avete la bacchetta

La bacchetta per creare

Tutto ciò che amate fare

Del futuro siete Streghe e Maghi

Pronti sempre a spaventare i draghi

 

Su coraggio, la Passaporta attraversiamo

E tutti insieme la formula magica ripetiamo:

Coda di drago

Lingua di mago

Bianco coniglio

Verde trifoglio

La mia vita è un bianco foglio

La coloro come voglio!

Grazie a chi ha collaborato con noi: le bambine e i bambini e i loro genitori, l’associazione Famiglie Arcobaleno, le colleghe Roberta Scanu e Sara Fanti e l’associazione Arc Cagliari che ci ha ospitato nella bellissima location del Lazzaretto di Cagliari.

Al prossimo anno!

Maria Grazia Rubanu e Melania Cabras  per lo studio Psynerghia e Silvia De Simone per Famiglie Arcobaleno

Passaporta per quale futuro? Laboratorio per bambine e bambini

Locandina Passaporta per quale futuroAnche quest’anno saremo presenti alla manifestazione “Le lesbiche si raccontano” con i nostri laboratori per bambine e bambini.

 
Il 26 marzo scopriremo insieme a loro che non ci sono mestieri “da maschio” e mestieri “da femmina” ma solo mestieri che ci piacciono e ci fanno sentire realizzat*.

 
Lo faremo giocando … con un tocco di magia …

 
Maria Grazia Rubanu e Melania Cabras per lo studio Psynerghia e Famiglie Arcobaleno 

 
Con la collaborazione di Roberta Scanu e Sara Fanti

Nei panni di… Laboratorio di travestimenti alla scoperta di sé, degli altri e delle altre…

Locandina laboratorio 13 marzo 2016

Al via la nuova edizione della manifestazione “Le lesbiche si raccontano”, al suo interno ci sarà anche un laboratorio per bambini e bambine ideato e portato avanti da noi dello studio Psynerghia e dall’associazione Famiglie Arcobaleno.

Il laboratorio è aperto alle bambine e ai bambini dai 4 agli 8 anni, fino ad un massimo di 15 iscritt*.

Domenica 13 marzo dalle 10 alle 12 presso il Lazzaretto di Cagliari sarà possibile sperimentarsi in un laboratorio sui travestimenti.

Si tratta di un’attività volta a favorire la libertà d’espressione e l’elaborazione di un proprio punto di vista, attraverso la messa in discussione degli stereotipi di genere legati alle professioni.

Questi temi verranno trattati attraverso una modalità ludica che prevede l’uso del gioco simbolico, che è una delle attività preferite dalle bambine e dai bambini ed ha un ruolo fondamentale nella sperimentazione e rielaborazione della realtà in cui vivono. Grazie al gioco simbolico possono immaginare e plasmare come vogliono il loro mondo vivendo le proprie emozioni e rendendole azioni.

Tra i vari tipi di gioco simbolico il travestimento ha un ruolo speciale: permette di calarsi direttamente nei panni dei personaggi del gioco, semplicemente usando la propria fantasia.

Attraverso il travestimento è possibile sperimentare altre immagini di sé, vivendole in prima persona e confrontandosi con i travestimenti scelti dagli altri partecipanti.

Il travestimento è anche un modo per accrescere creatività e fantasia, per aumentare l’autostima e la capacità di socializzazione con i pari.

Con l’ausilio di una filastrocca sarà affrontato il tema degli stereotipi di genere legati alle professioni e all’abbigliamento.

Delle grandi ceste piene di vestiti e accessori di vario tipo permetteranno alle bambine e ai bambini di sperimentare diversi travestimenti alla scoperta di sé e degli altri e delle altre.

Maria Grazia Rubanu e Melania Cabras